Architettura come… Villaggio vacanze

“Il grande complesso di Pugnochiuso, creato dall’ENI sul Gargano, i villaggi Valtour di Alimini o di Crotone, le altre iniziative della stessa specie, rientrano nel turismo di massa perché inghiottono masse di milanesi o di inglesi, frettolosamente sbarcate al più vicino aeroporto e incolonnate verso i prenotati stazzi della quindicina solare. Pure non vengono meno al rito aristocratico della colonizzazione: sia la preservazione del paesaggio, sia per essere ubicate in località selvaggie, onde può anche essere legittimo il vanto della loro scoperta; si aperché agli ospiti viene praticamente inibito ogni contatto con chi non è un loro pari. In questi nuovissimi ghetti, se il ghetto è una corte non dotata di potere politico, i contatti degli ospiti con i nativi sono limitati ai camerieri di tavola e alle ragazze dei tavoli.”

Corrado Barbieris, La società italiana, Franco Angeli, p. 326

Abbiamo abbandonato antichi riti per nuovi riti, in nome del progresso.
Fuggiamo la campagna, salvo ritornarci per chiuderci in agriturismi, centri benessere e campi da golf.
La gentrificazione della bellezza del paesaggio è la nuova frontiera del capitalismo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: