Architettura come… Maurizio Sacripanti

Memoria: Se ariamo il passato scopriamo, nel tessuto apparentemente unito dei tempi, improvvise fratture, distanze ove tempo e spazio s’impennano lasciandosi alle spalle quanto non serve più: nel fluire cala, o si coagula, un filtro. Oltre le scorie consumate procede solo l'”origine” del fluire, ed il segno dei simboli è mutato, è nato un futuro. Movimenti privilegiati della nascita dei tempi umani.

Maurizio Sacripanti, Città di frontiera

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: