Architettura come… Casabella 791

La copertina del numero di Luglio di Casabella mostra un’illustrazione dell’ornitologo franco-americano John James Audubon, noto per le sue numerose illustrazioni degli uccelli americani colorate a mano. La copertina si riferisce ovviamente al progetto di Renzo Piano presentato all’interno, la California Academy of Science di San Francisco.

Stranamente Casabella decide di presentare il progetto dell’architetto genovese almeno un anno dopo le altre principali riviste di architettura. Lotus International aveva presentato l’opera nel n° 135/2008; A+U nel numero dell’aprile 2009; The Plan nel numero 30/ novembre 2008; …

Il progetto rimane naturalmente molto interessante e mostra tutta la tecnica di Piano nel realizzare edifici significativi e soprattuto a basso impatto ecologico. Il rapporto tra architettura e natura era già ben evidente nella Bolla, che dal 2001 si è aggiunta alle strutture già esistenti realizzate nel porto di Genova.

Il progetto è una sintesi delle ultime ricerche formali dello studio: le forme curve della copertura ricordano il Paul Klee Zentrum; il trattamento delle grandi sale interne è invece simile a numerosi progetti museali di Piano, da Basilea, a Chicago,…

Renzo Piano si attesta ultimamente come, forse, l’archistar più vicina al problema ambientale: il tetto verde è parte integrante dell’architettura, escludendolo l’edificio perde il suo significato. Se si prendono altre archistar si nota un avvicinamento a piccoli passi, senza osare, all’architettura vegetale, ricorrendo alla pratica dei giardini verticali di Patrick Blanc: esempi sono il Caixa Forum di Madrid di Herzog e De Meuron e il Musée du Quai de Branly a Parigi di Jean Nouvel.

Ritengo i giardini verticali come un piccolo avvicinamento dell’architettura all’ecologia.  Ad esempio, nel museo parigino la parete verde rappresenta solo la piccola porzione di parete sul Quay de Branly.

Herzog e De Meuron - Caixa Forum

Jean Nouvel - Musée du Quai de Branly

Le prime pagine della rivista sono dedicate a Eero Saarinen e alla Kresge Chapel, realizzata al MIt di Cambridge, Massachusetts. La cappella serve come luogo di silenzio e meditazione per gli studenti dell’università, in particolare la grande gugli ametallica tripartita, opera dell’artista tedesco Theodore Roszak, ricorda le tre confessioni religiose più diffuse all’interno del campus, ebraismo, cattolicesimo e protestantesimo.

Il progetto risulta veramente interessante proprio perché Saarinen non può fare riferimento ad alcun simbolo religioso, ma deve creare lui stesso un ambiente favorevole alla meditazione e al raccoglimento. Ci riesce realizzando una sala circolare, pianta che da sempre crea fascino in tutte le religioni (tholoi dell’età micenea; Pantheon; mausoleo di Cecilia Metella; il tempietto di San Pietro in Montorio;… la lista potrebbe continuare all’infinito).

Come diceva Edoardo Gellner, per capire se una chiesa è veramente una chiesa, basta nascondere l’altare e guardare in su. Se rimane mistica è una chiesa. Saarinen riesce perfettamente nel suo intento: a questo si aggiunge l’opera d’arte di Harry Bertoia, che decora l’altare.

Le successive architetture presentate sono piccoli o grandi progetti di architetture religiose. Paolo Zermani, con il crematorio di Parma, rende omaggio al vicino cimitero di Aldo Rossi. Linee semplici e forme pure ed un sapiente utilizzo del mattone a vista.

Gli altri progetti mostrano una visione estera di costruire spazi sacri: il centro parrocchiale a Pamplona di Tabuenca e Leache; la cappella di Cristian Undurraga in Cile; la chiesa dello studio olandese Claus en Kaan a Rijsenhout.

Dei tre progetti di cantine presentati, sinceramente mi ha soddisfatto solo il progetto di Andreas Burghardt, quasi un’acropoli che domina i vigneti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: