Architettura come… Villa Noailles

Se passate per la Costa Azzurra non potete perdervi questo capolavoro di architettura. In cima ad un colle da cui si gode un magnifico panorama sulla città di Hyères e sulla costa francese, si trova la villa per l’inverno che i coniugi Charles e Marie Laura de Noailles fecero progettare all’architetto Robert Mallet Stevens. La villa rappresenta il primo progetto architettonico di Stevens, ed anche il più conosciuto. A questo si aggiunge una intera piccola via parigina con case progettate solo da lui.

Al progetto iniziale, seguiranno poi numerosi ampliamenti. Attualmente l’edificio conta oggi numerose stanze e livelli, piscina coperta, giardini,… come sempre accade si è completamente persa la visione iniziale dell’architetto.

All’epoca della sua realizzazione era un’opera d’arte completa perché al lavoro di Mallet Stevens si aggiungevano, tra gli altri, i mobili di Pierre Chareau, il giardino triangolare di Gabriel Guevrékian, sculture di Giacometti e Lipchitz,…

Tra gli spazi più interessanti c’è sicuramente il Salon Rose, lo studio di Charles de Noailles, che è illuminato zenitalmente da un lucernario che ricorda tele sia cubiste che de stijl. L’opera è realizzata con la collaborazione del vetraio Louis Barillet, che aiuterà Mallet Stevens in altre sue numerose opere.

Altro spazio di grande fascino è sicuramente la piscina, coperta anch’essa da un enorme lucernario. Sotto il solleone di luglio non ne consiglio la visita, perché la piscina diventa una vera e propria serra, ma all’epoca, grazie ai numerosi sistemi di filtraggio dell’acqua, agli spazi accessori, quali spogliatoi e bar, era considerata un prodigio di tecnica ed igiene. Da sottolineare infatti che la piscina si trova ai piani superiori della casa, e non semplicemente scavata nel giardino.

Sulla terrazza, accanto alla piscina, si può accedere al campo da squash, anch’esso illuminato (ovviamente) dall’alto.

Il giardino di Gabriel Guevrékian si trova all’ingresso della villa, contenuto in parte dagli antiche pietre di un castello medievale (di cui le mura restanti cingono in parte il grande giardino della villa).

La villa è sempre stata teatro di numerose feste, a cui partecipavano numerosi artisti, tra cui si ricordano Salvador Dalì, Man Ray, Jean Cocteau,… I coniugi Noailles sono sempre stati grandi mecenati e sostenitori di artisti emergenti.

Attualmente la villa ospita eventi culturali e anche un festival di design, rimanendo legata allo spirito dei coniugi di promuovere l’arte in ogni sua forma.

Il festival del design, che credo sia biennale, è veramente interessante ed espone opere di artisti conosciuti o emergenti. Interessante è soprattutto poter vedere molti progetti dallo schizzo, passando al prototipo, fino all’oggetto finale. Non una semplice esposizione di pezzi, ma anche un’occasione per capire l’iter progettuale di ogni singolo artista, che molto spesso, nelle mostre di design (vedi Salone del Mobile di Milano) rimane sconosciuto.

www.villanoailles-hyeres.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: